Kowalski è rehabilitato direttamente dall’ospizio dell’ospazio e vi schiaffa la puntata numero diciannovi fatta da due concerti, entrambi nel 1989! La crew eustacchiana si espande dall’enclave occidentale della radio dell’iconico alato Bartolomeo.

Questa volta ci diamo alla musica pissichedelica in un periodo molto significativo, la fine degli anni 80! Trampolini di lancio per una nuova stagione, pur molto eterogenea, di sound psichedelico e stralunato negli anni successivi. Spacemen 3 e Galaxie 500, due leggende inglesi (i primi) e americani (i secondi). Minimali, velvettiani ma anche stoogesiani, chitarre acidissime e messe al rallentatore. Allucinatevi, straniatevi, ammaliatevi con questi due concerti e correte ad ascoltarvi i disconi che vi propiniamo come super-seri!

 

//Kowalski// ha scovato e svelato reperti, dal vivo e dal crudo, di:

Spacemen 3 al Caffè Mokka, Thun (Svizzera), 19 maggio 1989

Transparent Radiation (cover dei Red Krayola) / Rollercoaster (cover dei 13th Floor Elevators) / Things’ll Never Be The Same / Take Me To The Other Side / Starship (cover di Sun Ra e MC5) / Revolution / Suicide / Lord Can You Hear Me? / Walking With Jesus / I Believe / Ode To Street Hassle / Mary-Anne / O.D. Catastrophe / Revolution Pt. 2 / Come Down Easy

Galaxie 500 al Riverside, Newcastle (Inghilterra), 6 dicembre 1989

Decomposing Trees / Snowstorm / Flowers / Pictures / Temperature’s Rising / Plastic Bird / Blue Thunder / When Will You Come Home / Ceremony (cover dei New Order) / Tugboat




Kowalski

In onda Sabato dalle 18:00 alle 20:30.
Da una dimensione intermedia tra la nostra e quella reale un viaggio senza meta e senza sosta nelle alte arie date in concessione [...]

Comments are closed.

Post Navigation